Blog Prof. Antonio La Marca

Press

I POLIPI ENDOMETRIALI: dalla diagnosi al trattamento3 min read

Reading Time: 3 minutes Si riuniscono gli esperti della patologia dell'Utero in un meeting organizzato dall'Ostetricia e Ginecologia dell'Azienda Ospedaliero.

Dic 15, 2022 3 min

I POLIPI ENDOMETRIALI: dalla diagnosi al trattamento3 min read

Reading Time: 3 minutes

Oggigiorno l’ecografia 2D rappresenta la metodica convenzionale per lo studio ultrasonografico

Definizione e fattori di rischio

I polipi endometriali sono neoplasie focali intrauterine, singole o multiple, caratterizzate da morfologia sessile o peduncolata. Presentano tre elementi costitutivi: la componente ghiandolare, lo stroma e i vasi sanguigni. La trasformazione maligna si verifica in una percentuale variabile fra 0 e 12,9% dei casi.
I principali fattori di rischio per la formazione di un polipo endometriale sono l’età, l’ipertensione, la terapia con tamoxifene e l’iperestrogenismo. Quest’ultimo è legato tipicamente a condizioni quali obesità, sindrome dell’ovaio policistico, menopausa tardiva, tumori stromali estrogeno-secernenti e insufficienza epatica cronica. È invece ancora discusso il ruolo della terapia ormonale nella patogenesi dei polipi endometriali, dal momento che alcuni studi mostrano un’aumentata prevalenza in queste pazienti, mentre altri non trovano differenze rispetto a donne non trattate. Inoltre sembra che il progesterone abbia un ruolo protettivo rispetto allo sviluppo dei polipi.

Diagnosi

I polipi endometriali possono essere totalmente asintomatici, oppure possono manifestarsi con sanguinamenti uterini anomali (AUB) pre e postmenopausali o con infertilità.
Nei casi sintomatici con sanguinamento uterino anomalo, la presenza di un polipo endometriale deve essere sospettata seguendo l’algoritmo PALM-COEIN e deve essere indagata tramite ecografia transvaginale, che rappresenta l’esame non invasivo gold standard. È preferibile eseguire l’esame ecografico durante la fase proliferativa del ciclo mestruale, poiché l’endometrio è più sottile, avvalendosi anche dello studio color Doppler, che permette la visualizzazione del peduncolo vascolare. La lesione appare iperecogena, a margini ben definiti, circondata da un alone iperecogeno.

Si può inoltre ricorrere alla sonoisterografia che, attraverso l’iniezione di soluzione fisiologica, permette la visualizzazione della cavità endometriale distesa e pertanto il più facile riconoscimento della lesione. Per osservare direttamente un polipo endometriale è invece necessario eseguire una isteroscopia diagnostica.

Trattamento

L’asportazione di un polipo endometriale viene routinariamente eseguita mediante isteroscopia operativa office o videoresettoscopia in sala operatoria. Il rischio di formazione di aderenze intrauterine dopo la procedura è trascurabile e il tasso di complicanze è estremamente basso.
Attualmente non ci sono dati sufficienti per giustificare la rimozione routinaria dei polipi endometriali in tutte le pazienti sub-fertili, tuttavia questo intervento è considerato sicuro ed è stato dimostrato un vantaggio in termini di pregnancy rate nelle donne infertili che vengono sottoposte a polipectomia prima di eseguire una inseminazione intrauterina (IUI) o una tecnica di procreazione medicalmente assistita di II livello (FIVET/ICSI).
In caso di riscontro occasionale di un polipo endometriale asintomatico in donne in pre o postmenopausa è consigliabile l’asportazione se sono presenti fattori di rischio anamnestici per lo sviluppo di carcinoma dell’endometrio e/o se la lesione misura più di 2 cm di diametro.
Dopo la menopausa un sospetto polipo endometriale sintomatico dovrebbe sempre essere indagato mediante isteroscopia diagnostica e, se confermato, dovrebbe essere asportato per poter poi eseguire anche l’esame istologico. Il rischio di diagnosticare una iperplasia atipica o un carcinoma è maggiore in presenza di AUB e non aumenta all’aumentare delle dimensioni del polipo. Qualora vengano riscontrati questi reperti istologici sulla lesione è raccomandata l’isteroannessiectomia bilaterale, poiché il rischio di carcinoma endometriale nel tessuto circostante è del 30%.

Bibliografia

  1. Ludwin A, Lindheim SR, Booth R, Ludwin I. Removal of uterine polyps: clinical management and surgical approach. Climacteric J Int Menopause Soc. 2020 Aug;23(4):388–96.
  2. Raz N, Feinmesser L, Moore O, Haimovich S. Endometrial polyps: diagnosis and treatment options – a review of literature. Minim Invasive Ther Allied Technol MITAT Off J Soc Minim Invasive Ther. 2021 Oct;30(5):278–87.
  3. Vitale SG, Haimovich S, Laganà AS, Alonso L, Di Spiezio Sardo A, Carugno J, et al. Endometrial polyps. An evidence-based diagnosis and management guide. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol. 2021 May;260:70–7.